La primavera è alle porte…andare per Caffè a Parigi…

 

 

 

C’è una parte di Parigi che raramente è menzionata nelle guide turistiche. Non è certo questo il luogo per farne una relazione, ma vorrei riuscire a dare qualche spunto per fare un’esperienza al di fuori dai musei, chiese e vie più o meno glamour. Anch’io, quando l’ho scoperta, sono rimasta affascinata e mi sono chiesta perché non gli ho dato la giusta importanza fin dalle prime volte che mi muovevo per le vie di questa città.

Parigi è la “patria” dei caffè letterari. Un caffè si dice letterario quando fa riferimento ad una serie di numerose attività: scambi di vedute sulla letteratura e sulla poesia, dibattiti politici, incontri e scambi tra mercanti d’arte, ritrovo di compositori e musicisti. A Parigi, i caffè letterari, sono stati anche luogo di nascita del pensiero illuminista.

Parigi possiede un’infinità di caffè, ma sulla Rive Gauche (quartiere latino), a Saint Germain des Près e in Boulevard Saint Germain ce ne sono alcuni tra i più importanti e che hanno visto passare personaggi illustri come Verlaine, Rimbaud, Mallarmé e, successivamente, Picasso e Giacometti.

Uno dei più famosi è il cafè Le Flore (172, Boulevard Saint Germain), nato alla fine dell’800 e frequentato inizialmente da personaggi di destra, diventato poi il caffè preferito dagli esistenzialisti ed intellettuali di sinistra. http://cafedeflore.fr/menu/

Per noi Italiani il vanto è il cafè Le Procope (13, Rue de l’Ancienne Comèdie) fondato dall’italiano Procopio nel 17° secolo, situato vicino alla Comédie Fracaise. Era il caffè letterario di ritrovo dei filosofi illuministi. http://www.procope.com

 

A Parigi, però, non ci sono solo Caffè letterari. La città è piena di locali meravigliosi, che offrono l’opportunità di sedersi e godersi l’atmosfera.

Tra i meno citati ci sono i tre caffè interni al museo del Louvre; cafè Richelieu, cafè Mollien e cafè Richelieu.

Tutti e tre poco conosciuti anche dai parigini, straordinari per la loro localizzazione e ciascuno con una terrazza imperdibile: di fronte un piccolo prato, qualche albero e una piccola fontana…

https://www.louvre.fr/en/restaurants-et-cafes

Non distante dal Louvre e a due passi da Place de la Concorde, al 242 di Rue de Rivoli, si trova il Circolo Svedese. Fondato nel 1821, accoglie chi vuol trascorrere una serata fuori dall’ordinario in una deliziosa ambientazione retrò il secondo e l’ultimo mercoledì del mese. (Per informazioni e prenotazioni chiamare 01.42 60 76 67). http://www.nuok.it/peris/il-giardino-segreto-dell-institut-suedois-di-parigi/

Sempre in Rue de Rivoli, ma al 35, c’è il famoso Cafè Les Templiers. All’interno ogni centimetro quadrato del locale è arricchito da statue, foto, ritratti, dipinti, e oggetti che rievocano la monarchia passata con nostalgica accuratezza di particolari. Si tratta, in pratica, di un piccolo museo sulla monarchia di Francia per i turisti. Tutto cambia nelle notti tra il 20 e il 21 gennaio e tra il 16 e 17 ottobre quando, in occasione della morte di Luigi XVI e di Maria Antonietta, il caffè diviene luogo di ritrovo per i monarchi francesi. https://www.yelp.fr/biz/les-templiers-paris

L’ultimo che cito è il caffè del centro comunitario ebreo di Parigi al 119 in Rue LaFayette al quinto piano . Nelle belle giornate di sole, si può citofonare e salire godendo, una volta in terrazza, di una vista meravigliosa e indimenticabile.

Meet a Parisien…

“Il momento Terrasse all’aperto- per i parigini- arriva nel fine settimana ed è l’espressione di un rito fatto di piccoli piaceri. Tutti i sabati e le domeniche(inverno compreso, grazie alle stufe che permettono di stare all’esterno anche nelle giornate più rigide), il vero parigino sta li fuori, seduto al suo tavolino, per fare colazione: tartine imburrate, croissant (se non si è svegliato troppo tardi e ce ne sono ancora), una spremuta d’arancia (senza ghiaccio) e soprattutto un buon caffè”

da Parigi da impazzire di Anais Flavel.

Tatiana

 

Bibliografia:

“Parigi da impazzire” di Anais Flavel Edizioni L’airone

“Parigi Bar e Ristoranti Insoliti” J. Garance e S. Rivoal

 

 

 

 

 

Un commento Aggiungi il tuo

  1. tachimio ha detto:

    Post molto apprezzato mia cara. Conosco bene l’usanza parigina e anche di altri luoghi francesi della colazione all’aperto. Adoro la Francia. Davvero utili i tuoi indirizzi. Grazie Tatiana. Complimenti. Isabella

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...